Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Odissea ucraina: Gennaio 2012

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • Odissea ucraina: Gennaio 2012

    Salve a tutti, sono nuovo del forum e prima di tutto volevo ringraziare A.I.B.I per aver messo a disposizione questo importante strumento di comunicazione e scambio di esperienze.
    Volevo mettere a conoscenza la nostra esperienza di un mese fa affinché possa essere da monito a tutte quelle coppie che speranzose come noi stiano pensando di scegliere questo paese come meta per trovare il figlio tanto atteso. Ho cercato di non metterci troppo del mio affichè questa esperienza vi fosse riportata il più neutra possibile (non so quanto ci sono riuscito..)
    Noi siamo arrivati a Kiev il 15 Gennaio, l’appuntamento al D.A.P. era fissato per il giorno successivo Lunedى 16 Gennaio.
    Una volta incontrata la nostra referente le cose ci sono subito apparse sotto una nuova luce. Eravamo a conoscenza che per effetto di una legge ucraina in materia di adozioni non potevano essere più dati in adozione internazionale bambini sotto ai 5 anni, “ragazzi non scherziamo! In ucraina ci sono soprattutto bambini malati e dagli 8 anni in su.. è già un miracolo che ne possiate trovare uno di 8 anni!”queste le parole che ci hanno fatto raggelare il sangue e con queste parole che ci rimbombavano nella testa siamo andati al primo appuntamento.
    Una volta giunti al dipartimento ci hanno fatto sedere e una signorina ci ha chiesto “raccontateci brevemente la vostra storia, cosa desiderate come bimbo e di ch età” noi abbiamo risposto alla domanda dicendo che noi avremo desiderato un bambino maschio o femmina che sia di età massima intorno ai 7 anni.
    La signorina ci ha mostrato due raccoglitori di bambini nati nel 2006/7 e tutti i bambini presentavano patologie psicofisiche gravi (sordità,deficit mentali,autismo)ed altre che non sto nemmeno a citare. Dopo un’ora passata a visionare queste schede (vi lascio immaginare i nostri stati d’animo) abbiamo deciso di fissare il secondo appuntamento.
    Dopo circa una settimana ci siamo presentati nuovamente al Dipartimento delle Adozioni siamo entrati nella stessa stanzetta convinti che questa volta avremo trovati il figlio tanto desiderato; non è andata proprio cosى, ci hanno mostrato quattro schede; due erano fratelli uno di 12 e 8 anni, l’altra un bambino con deficit mentale e una di una “ragazzina” di 13 anni. Quindi non stavamo parlando più di bambini ma di tennager! Alla fine di questo secondo incontro eravamo distrutti moralmente e siamo dovuti andare al terzo ed ultimo incontro.
    Ci siamo presentati dopo circa 10 giorni con mille speranze ma con la consapevolezza di dover far salire l’età del bambino vista la situazione Reale e pensavamo “ è assurdo andare via senza un bambino, è impensabile!, tutti i nostri sacrifici non possono finire cosى!”. Ci hanno mostrato tante schede (credo una trentina) ma tutte di nuovo di bambini si di sette anni/otto anni ma ancora con problematiche gravi, dopo un’ora abbiamo ristretto la nostra preferenza a due schede; una di una bambina di 10 anni e l’altra su un bambino di 9 anni La nostra referente ha fatto qualche telefonata e ha scoperto che la bambina aveva dei grossi problemi mentali e che non valeva la pena di andare a conoscerla proprio non aveva senso, quindi gioco forza la scelta è caduta su l’unica scheda di bambino sano rimasta. Ma c’era un altro problema, questo bambino aveva già rifiutato due coppie quindi immaginate il nostro stato d’animo, praticamente la nostra speranza era appesa ad un esile filo. Abbiamo pensato che comunque a questo punto non avevamo più nulla da perdere e se avessimo rifiutato di andare a conoscerlo probabilmente saremo rimasti con un dubbio logorante per tutta la vita,
    Perciٍ il giorno dopo siamo partiti; 10 ore di treno per percorrere 800 km di notte, arrivati alla stazione altri 100 km in auto per raggiungere l’orfanotrofio, non so se sapete come sono le strade in Ucraina.. … Eravamo accompagnati da una interprete veramente in gamba.
    Ma purtroppo questo non è bastato, arrivati all’orfanotrofio ci siamo accomodati in una sala dove erano presenti oltre a me e mia moglie, la nostra interprete, l’assistente sociale,la direttrice dell’istituto e una insegnante presumo. Ad un certo punto è entrato questo bambino.. io e mia moglie ce ne siamo innamorati subito al primo sguardo ma il bambino era determinato, io non vado via di qua, ho i miei amici non voglio andare.
    A queste parole le nostre speranze si sono spente definitivamente perciٍ siamo ripartiti; altri 100km in auto e un altro viaggio di 10 ore in treno.
    Questa è la nostra esperienza, ho cercato di non metterci troppo del mio perché ritengo non sia giusto in quanto ogni esperienza puٍ essere differente.
    Ma quello di cui mi preme avvisarvi è che dall’Italia e mi riferisco all’ente che ha curato la nostra adozione non siamo stati avvertiti della situazione reale che c’è adesso in quel paese perché un conto è dire che non si adottano più bambini al di sotto dei 5 anni un altro è dire che la maggioranza dei bambini che vanno in adozione internazionale sono malati e con un’età in media superiore agli 8 anni. In questo modo si mandano coppie come noi al “macello”, il trauma psicologico che ne deriva da un’esperienza come questa in un paese straniero è veramente devastante.
    Adesso l’unica soluzione se vogliamo ritentare l’adozione in questo paese è quello di ripresentare il deposito dei documenti, rifare alcuni documenti scaduti e tra qualche mese ripartire. Detto cosى sembra facile, ma qui stiamo parlando di dover lasciare nuovamente il lavoro (con il rischio anche di perderlo), spendere soldi per il volo per l’affitto e per la traduzione dei documenti senza contare quelli per i servizi della referente che non sono bazzecole.
    IL MIO AVVERTIMENTO A TUTTE QUELLE COPPIE CHE STANNO PENSANDO DI ADOTTARE IN UCRAINA E’ QUELLO DI PRETENDERE CHIAREZZA DAL PROPRIO ENTE PERCHE’ RISCHIATE VERAMENTE CHE IL VOSTRO VIAGGIO FATTO DI SPERANZE E ASPETTATIVE PIU’ CHE LEGITTIME SI TRASFORMI IN UN VERO INCUBO.

  • #2
    Ciao Storm

    Purtroppo il tuo caso non è il primo e non sarà neanche l'ultimo.

    Per chi frequenta il forum quello del cambiamento della legge non è una novità. L'ente è tenuto ad informarvi e credo che possiate fargli causa per farvi restituire i soldi se non ve la sentite più di andare in Ucraina.

    Per quanto riguarda glia abbinamenti, molto, se non tutto dipende dalle referenti. Questo te lo dico perché tra il vecchio ed il nuovo forum mi son fatto (e non solo io) questa idea.

    Mi spiace molto quello che vi è successo. Un abbraccio forte forte

    Comment


    • #3
      Sono veramente allibita !!! E molto dispiaciuta per voi....

      Comment


      • #4
        Mi sento di risponderti Storm, dandoti innanzitutto la mia solidarietà sulla tua vicenda adottiva, puntualizzando perٍ che ogni storia adottiva è storia a sè per cui non si puٍ prendere a parametro ciٍ che tu hai scritto e avvertito tutte quelle coppie che vorranno adottare in Ucraina anche perchè gli istituti sono pieni di bimbi in attesa di essere adottati, senza limiti di età e sesso...........mi permetto di dire che non sono teenager bimbi dagli 8 anni in su ma nemmeno i 13enni, credimi i bimbi adottati sono più piccoli sia fisicamente che psicologicamente figurarsi mentalmente.
        Forse il tuo ente, e preferirei che tu dicessi anche il nome non ti ha supportato nel tuo iter preadottivo, spero che non ti hanno pubblicizzato l'Ucraina come la panacea adottiva dove si sfoglia libroni e si porta via bimbi piccolissimi e sani........ormai è un pٍ che è entrata in vigore la nuova legge adottiva e si possono adottare bimbi sopra i 5 anni di età o almeno il maggiore deve avere questa età.
        Quando ti riferisci al viaggio incredibile, pensa che tanti di noi hanno fatto più di un viaggio prima di conoscere il proprio figlio........ed anche se il viaggio non era quello della vita, io ti posso garantire che mai mi sono pentita di farli quei chilometri perchè forse avrei conosciuto mio figlio.
        Ora e ne è la prova Ele71, devi farsi si che quello che ti è accaduto ti dia la forza di rifare i documenti e chiedere un nuovo appuntamento al Dap e vedrai che finalmente lى troverai tuo figlio, che forse ancora non era adottabile nel tuo primo viaggio...........a volte anche se è molto doloroso tutto ha un perchè.

        Comment


        • #5
          Io dopo un primo abbinamento andato male ho conosciuto mio figlio con una scheda appena arrivata al Dap........15 giorni prima non c'era ???? E allora è stato il destino che mi ha dato lui e solo lui, il mio secondogenito........certo anche una Cicogna sbadata...................
          Continuo a dire che non è giusto sconsigliare di scegliere l'Ucraina come paese adottivo perchè ci sono tante e tante realtà positive, e bisogna dare a quei bimbi anche la loro possibilità di rinascita.

          Comment


          • #6
            Debora

            la penso come te, non bisognerebbe mai sconsigliare un paese di destinazione. Perٍ come ti ho scritto nell'altro topic, ben vengano queste discussioni e quelli come STORM che hanno da dire cose molto negative dei paesi, degli enti e delle referenti.

            Solo cosى' si cresce, e dato che gli enti ci leggono, magari le nostre discussioni li aiutano a capire meglio dove migliorare alcuni aspetti.

            Comment


            • #7
              Originariamente Scritto da Jimmy73 Visualizza Messaggio
              Debora

              la penso come te, non bisognerebbe mai sconsigliare un paese di destinazione. Perٍ come ti ho scritto nell'altro topic, ben vengano queste discussioni e quelli come STORM che hanno da dire cose molto negative dei paesi, degli enti e delle referenti.

              Solo cosى' si cresce, e dato che gli enti ci leggono, magari le nostre discussioni li aiutano a capire meglio dove migliorare alcuni aspetti.
              E' giusto ma mi pare che il post di Storm sia a senso unico........stop alle adozioni in Ucraina............e l'ente ? nemmeno nominato il suo nome sarebbe giusto dire che non li ha preparati all'adozione in Ua.

              Comment


              • #8
                Originariamente Scritto da Debora ucraina Visualizza Messaggio
                E' giusto ma mi pare che il post di Storm sia a senso unico........stop alle adozioni in Ucraina............e l'ente ? nemmeno nominato il suo nome sarebbe giusto dire che non li ha preparati all'adozione in Ua.

                Sta continuando l'adozione con loro. Se lo dice son cavoli amari, e probabilmente rescinderebbero il mandato e poi si che ad*** adozione.

                Comment


                • #9
                  Originariamente Scritto da Jimmy73 Visualizza Messaggio
                  Sta continuando l'adozione con loro. Se lo dice son cavoli amari, e probabilmente rescinderebbero il mandato e poi si che ad*** adozione.
                  Ma mi chiedo dato che dalla sua storia ci siano gravi disservizi ( se cosى li vogliamo chiamare ) da parte del suo ente......come faccia a fidarsi ancora ?

                  Comment


                  • #10
                    Originariamente Scritto da Debora ucraina Visualizza Messaggio
                    Ma mi chiedo dato che dalla sua storia ci siano gravi disservizi ( se cosى li vogliamo chiamare ) da parte del suo ente......come faccia a fidarsi ancora ?
                    Lo so Debora,anche io avrei mille dubbi, milioni di dubbi.
                    Ma dopo che gli hai dato tanti soldi, che fai?

                    Comment


                    • #11
                      Originariamente Scritto da Jimmy73 Visualizza Messaggio
                      Lo so Debora,anche io avrei mille dubbi, milioni di dubbi.
                      Ma dopo che gli hai dato tanti soldi, che fai?
                      Boh! perٍ continuare il rapporto cosى...............

                      Comment

                      Working...
                      X