Annuncio

Collapse
No announcement yet.

"Per le pratiche di rimborso 2010 pare non ci siano soldi." LEGGETE E' IMPORTANTISSIM

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • "Per le pratiche di rimborso 2010 pare non ci siano soldi." LEGGETE E' IMPORTANTISSIM

    "Per le pratiche di rimborso 2010 pare non ci siano soldi." LEGGETE E' IMPORTANTISSIM


    "Per le pratiche di rimborso 2010 pare non ci siano soldi. Ci sono delle famiglie che hanno preparato una lettera - petizione per chiedere di ripristinare il fondo.

    L'indirizzo e mail a cui inviare l'adesione (più siamo e più devono ascoltarci) è il seguente: [email protected]

    Dobbiamo inviare una mail con: "aderisco alla petizione per il fondo adozioni internazionali firmato" (nome e cognome di entrambi i coniugi e città).
    Possono aderire anche quelli che non sono ancora partiti. Forza aderiamo in tanti!!

    Questa è la lettera:

    Egr. Prof. Sen.
    Mario Monti
    Presidente del Consiglio Italiano
    Palazzo Chigi
    ROMA

    siamo alcune famiglie italiane che hanno concluso, per loro fortuna, felicemente le pratiche di adozione internazionale nel 2010 che, sostenuti anche da parenti e amici, si rivolgono a lei ed al suo Governo su una questione che, crediamo, non possa essere ignorata.

    Nel 2010 3.241 famiglie italiane sono rientrate a casa con 4.130 bambini provenienti da ogni parte del mondo, in particolare dai paesi dell’Est europeo, America Latina ed Africa.

    Le coppie che si sottopongono al complicato iter di adozione internazionale all’85% provengono da sofferte e pesanti esperienze di infertilità coniugale. Altri dati oltre questi sono riportati nel rapporto annuale della Commissione Adozioni Internazionali, che ha sede proprio dove Lei è insediato, Palazzo Chigi.
    http://www.commissioneadozioni.it/me...pporto2010.pdf

    I costi di tale percorso, oltre quelli più strettamente psicologici -già altissimi- si suddividono tra quelli sostenuti in Italia, per tutte le fasi preliminari, e quelli sostenuti all’estero che, ultimamente, a causa di sempre maggiori difficoltà che si incontrano negli stati esteri, stanno lievitando anno dopo anno e comunque, complessivamente si aggirano in non meno di 25 -30 mila euro.

    Dalla finanziaria 2005 è stato riservato un ‘Fondo di sostegno delle Adozioni Internazionali’, finalizzato al rimborso di parte delle spese sostenute per l’adozione di un bambino straniero nell’anno precedente. Fondo istituito con DPCM 28 giugno 2005.

    Dal 2005 si è poi passati al Fondo per le politiche della famiglia, istituito dall’art. 19, comma 1 del Decreto legge 223 del 2006, destinato a finanziare anche il sostegno delle adozioni internazionali.
    Dal 2005 sono stati erogati rimborsi fino alle adozioni concluse nell’anno 2009 (DPCM 30/11/2010), mentre per le nostre adozioni concluse nel 2010, sembra, da notizie finora ufficiose che ci sono pervenute, non sia stato previsto alcun fondo.

    Sig. Presidente, siamo convinti che l’interruzione della misura frenerebbe lo slancio di tante coppie italiane decise ad adottare, rappresenterebbe una disparità di trattamento tra cittadini ed un’ulteriore, ingiusta penalizzazione nei confronti di tante famiglie italiane che credono nella solidarietà disinteressata e che con enormi sacrifici hanno compensato l’handicap causato dall’infertilità (spesso anche da norme restrittive sulle fecondazioni assistite) pur di coronare la legittima aspirazione di costituire una famiglia completa.

    Ci rivolgiamo a Lei, certi di un Suo interessamento e, con l’occasione, Le porgiamo i nostri più cordiali saluti.

    Le famiglie dell’adozione internazionale 2010

    7 Gennaio 2012


    Firme......
    Last edited by giovigiada; 07-01-2012, 20:18.

  • #2
    N.B. l'indirizzo mail completo a cui inviare l'adesione è: [email protected]
    Anche se è chiaro dal post vi preciso che ogni mail deve avere copia del testo della petizione con sotto la frase "aderisco alla petizione per il fondo adozioni internazionali". Firmato (nome e cognome di entrambi i coniugi e città).
    Last edited by adoint; 07-01-2012, 14:49.

    Comment


    • #3
      Io scriverei anche a napolitano

      Originariamente Scritto da giovigiada Visualizza Messaggio
      "per le pratiche di rimborso 2010 pare non ci siano soldi." leggete e' importantissim


      "per le pratiche di rimborso 2010 pare non ci siano soldi. Ci sono delle famiglie che hanno preparato una lettera - petizione per chiedere di ripristinare il fondo.

      L'indirizzo e mail a cui inviare l'adesione (più siamo e più devono ascoltarci) è il seguente: [email protected]

      dobbiamo inviare una mail con: "aderisco alla petizione per il fondo adozioni internazionali firmato" (nome e cognome di entrambi i coniugi e città).
      Possono aderire anche quelli che non sono ancora partiti. Forza aderiamo in tanti!!

      Questa è la lettera:

      Egr. Prof. Sen.
      Mario monti
      presidente del consiglio italiano
      palazzo chigi
      roma

      siamo alcune famiglie italiane che hanno concluso, per loro fortuna, felicemente le pratiche di adozione internazionale nel 2010 che, sostenuti anche da parenti e amici, si rivolgono a lei ed al suo governo su una questione che, crediamo, non possa essere ignorata.

      Nel 2010 3.241 famiglie italiane sono rientrate a casa con 4.130 bambini provenienti da ogni parte del mondo, in particolare dai paesi dell’est europeo, america latina ed africa.

      Le coppie che si sottopongono al complicato iter di adozione internazionale all’85% provengono da sofferte e pesanti esperienze di infertilità coniugale. Altri dati oltre questi sono riportati nel rapporto annuale della commissione adozioni internazionali, che ha sede proprio dove lei è insediato, palazzo chigi.
      http://www.commissioneadozioni.it/me...pporto2010.pdf

      i costi di tale percorso, oltre quelli più strettamente psicologici -già altissimi- si suddividono tra quelli sostenuti in italia, per tutte le fasi preliminari, e quelli sostenuti all’estero che, ultimamente, a causa di sempre maggiori difficoltà che si incontrano negli stati esteri, stanno lievitando anno dopo anno e comunque, complessivamente si aggirano in non meno di 25 -30 mila euro.

      Dalla finanziaria 2005 è stato riservato un ‘fondo di sostegno delle adozioni internazionali’, finalizzato al rimborso di parte delle spese sostenute per l’adozione di un bambino straniero nell’anno precedente. Fondo istituito con dpcm 28 giugno 2005.

      Dal 2005 si è poi passati al fondo per le politiche della famiglia, istituito dall’art. 19, comma 1 del decreto legge 223 del 2006, destinato a finanziare anche il sostegno delle adozioni internazionali.
      Dal 2005 sono stati erogati rimborsi fino alle adozioni concluse nell’anno 2009 (dpcm 30/11/2010), mentre per le nostre adozioni concluse nel 2010, sembra, da notizie finora ufficiose che ci sono pervenute, non sia stato previsto alcun fondo.

      Sig. Presidente, siamo convinti che l’interruzione della misura frenerebbe lo slancio di tante coppie italiane decise ad adottare, rappresenterebbe una disparità di trattamento tra cittadini ed un’ulteriore, ingiusta penalizzazione nei confronti di tante famiglie italiane che credono nella solidarietà disinteressata e che con enormi sacrifici hanno compensato l’handicap causato dall’infertilità (spesso anche da norme restrittive sulle fecondazioni assistite) pur di coronare la legittima aspirazione di costituire una famiglia completa.

      Ci rivolgiamo a lei, certi di un suo interessamento e, con l’occasione, le porgiamo i nostri più cordiali saluti.

      Le famiglie dell’adozione internazionale 2010

      7 gennaio 2012


      firme......

      Comment

      Working...
      X