#iorestoacasa con Ai.Bi.

Annuncio

Collapse
No announcement yet.

Informazioni prepartenza - cosa dobbiamo fare al ritorno (scuola,pediatra,ambasciata)

Collapse
X
 
  • Filter
  • Ora
  • Show
Clear All
new posts

  • Informazioni prepartenza - cosa dobbiamo fare al ritorno (scuola,pediatra,ambasciata)

    Come discusso con alcuni di noi, troviamo utile creare un contenitore per le informazioni che possono essere di uso pubblico per chi sta per affrontare il viaggio in Cile.
    Chiederei di limitarsi alle informazioni relative al all'argomento della discussione indicato dal titolo, in modo che sia facile e rapido trovare le risposte alle proprie domande. Popolate con più informazioni possibili, grazie, buona strada a tutti. Gigi

  • #2
    Al ritorno non crediate di rilassarvi! L'Ente vi consegnerà un plico di documenti da compilare, dovrete andare al tribunale per avere la sentenza di adozione italiana, ovviamente scegliere il pediatra, preparare il codice fiscale, fare la residenza, lo stato di famiglia... per avere il documento d'identità sarٍ andata all'anagrafe almeno 5 volte ricevendo spesso risposte vaghe o discordanti. Abbiamo terminato dopo circa altri 4 mesi. Per la scuola materna essendo rientrati a luglio abbiamo dovuto aspettare fine agosto per l'iscrizione e prendere il posto dove ne erano avanzati... quindi non nel nostro quartiere.
    Una cosa importante: tenetevi informati sul rimborso spese adozione da parte della CAI, una cosa di cui a noi non aveva accennato nessuno e che abbiamo scoperto per caso leggendo i forum. Non abbiamo visto ancora un euro, ma intanto abbiamo fatto domanda e se arrivasse qualcosina indietro non farebbe certo male...
    Armatevi ancora una volta di pazienza, tanto a questo punto i vostri cuccioli saranno con voi e questa è la cosa più importante!
    Michela

    Comment


    • #3
      Originariamente Scritto da chela Visualizza Messaggio
      Al ritorno non crediate di rilassarvi! L'Ente vi consegnerà un plico di documenti da compilare, dovrete andare al tribunale per avere la sentenza di adozione italiana, ovviamente scegliere il pediatra, preparare il codice fiscale, fare la residenza, lo stato di famiglia... per avere il documento d'identità sarٍ andata all'anagrafe almeno 5 volte ricevendo spesso risposte vaghe o discordanti. Abbiamo terminato dopo circa altri 4 mesi. Per la scuola materna essendo rientrati a luglio abbiamo dovuto aspettare fine agosto per l'iscrizione e prendere il posto dove ne erano avanzati... quindi non nel nostro quartiere.
      Una cosa importante: tenetevi informati sul rimborso spese adozione da parte della CAI, una cosa di cui a noi non aveva accennato nessuno e che abbiamo scoperto per caso leggendo i forum. Non abbiamo visto ancora un euro, ma intanto abbiamo fatto domanda e se arrivasse qualcosina indietro non farebbe certo male...
      Armatevi ancora una volta di pazienza, tanto a questo punto i vostri cuccioli saranno con voi e questa è la cosa più importante!
      Michela
      Michela si potrà scegliere il pediatra, preparare il codice fiscale, fare la residenza, lo stato di famiglia ecc prima ancora della sentenza italiana o solo dopo che ce l'abbiamo in mano? Io credo dopo, giusto?

      Comment


      • #4
        codice fiscale, pediatra e mi sembra anche richiesta di residenza si possono fare subito, il resto dopo...

        Comment


        • #5
          Importante:
          entro 48 ore dal rientro recarsi in Comune per dichiarare di aver ospite un extracomunitario (il figlio!).
          Pochi Comuni in Italia erogano la sanzione se non si ottempera, ma...meglio non rischiare.
          E' paradossale, ma...a me e' capitato, nel 2003, per due giorni di ritardo e solo perche' la modifica di legge che introduceva la sanzione era del 2002 e non lo sapeva nessuno.
          320€ di multa, poi ridotti a 160€ a seguito di mio ricorso al Sindaco, ma non me l'hanno tolta!
          Prima c'era l'obbligo, ma non essendoci la sanzione nessuno se ne preoccupava particolarmente.
          Infatti con la mia prima ado nel 2000 non avevo rispettato i termini, ma non era accaduto niente di che. Secondo me molti neanche sapevano che dal 1998 era obbligatorio.
          Anche dopo, comunque, molti Comuni non fanno i "fiscali", specie di fronte ad un'adozione, ma il mio....si'!

          Giorgio

          Rif.:
          Articolo 7 legge 286/98 (detta anche "Bossi/Fini) - Obblighi dell'ospitante e del datore di lavoro.
          1. Chiunque, a qualsiasi titolo, dà alloggio ovvero ospita uno straniero o apolide, anche se parente o affine, o lo assume per qualsiasi causa alle proprie dipendenze ovvero cede allo stesso la proprietà o il godimento di beni immobili, rustici o urbani, posti nel territorio dello Stato, è tenuto a darne comunicazione scritta, entro quarantotto ore, all'autorità locale di pubblica sicurezza.
          2. La comunicazione comprende, oltre alle generalità del denunciante, quelle dello straniero o apolide, gli estremi del passaporto o del documento di identificazione che lo riguardano, l'esatta ubicazione dell'immobile ceduto o in cui la persona è alloggiata, ospita o presta servizio ed il titolo per il quale la comunicazione è dovuta.
          2-bis. Le violazioni delle disposizioni di cui al presente articolo sono soggette alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 160 a 1.100 euro.
          Last edited by jcornit; 13-02-13, 08:36 .

          Comment


          • #6
            Originariamente Scritto da jcornit Visualizza Messaggio
            Importante:
            entro 48 ore dal rientro recarsi in Comune per dichiarare di aver ospite un extracomunitario (il figlio!).
            Pochi Comuni in Italia erogano la sanzione se non si ottempera, ma...meglio non rischiare.
            E' paradossale, ma...a me e' capitato, nel 2003, per due giorni di ritardo e solo perche' la modifica di legge che introduceva la sanzione era del 2002 e non lo sapeva nessuno.
            320€ di multa, poi ridotti a 160€ a seguito di mio ricorso al Sindaco, ma non me l'hanno tolta!
            Prima c'era l'obbligo, ma non essendoci la sanzione nessuno se ne preoccupava particolarmente.
            Infatti con la mia prima ado nel 2000 non avevo rispettato i termini, ma non era accaduto niente di che. Secondo me molti neanche sapevano che dal 1998 era obbligatorio.
            Anche dopo, comunque, molti Comuni non fanno i "fiscali", specie di fronte ad un'adozione, ma il mio....si'!

            Giorgio

            Rif.:
            Articolo 7 legge 286/98 (detta anche "Bossi/Fini) - Obblighi dell'ospitante e del datore di lavoro.
            1. Chiunque, a qualsiasi titolo, dà alloggio ovvero ospita uno straniero o apolide, anche se parente o affine, o lo assume per qualsiasi causa alle proprie dipendenze ovvero cede allo stesso la proprietà o il godimento di beni immobili, rustici o urbani, posti nel territorio dello Stato, è tenuto a darne comunicazione scritta, entro quarantotto ore, all'autorità locale di pubblica sicurezza.
            2. La comunicazione comprende, oltre alle generalità del denunciante, quelle dello straniero o apolide, gli estremi del passaporto o del documento di identificazione che lo riguardano, l'esatta ubicazione dell'immobile ceduto o in cui la persona è alloggiata, ospita o presta servizio ed il titolo per il quale la comunicazione è dovuta.
            2-bis. Le violazioni delle disposizioni di cui al presente articolo sono soggette alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 160 a 1.100 euro.
            Grazie tantissimo della info!

            Comment


            • #7
              Figurati!
              E' di fatto l'unica cosa "urgente", dopo che hanno tolto l'obbligo di fare il permesso di soggiorno in Questura entro 7 giorni dal rientro.
              Poi, codice fiscale, tessera sanitaria, scelta del medico, non ci sono termini fissati.
              Attenzione solo alla tessera sanitaria che di solito ha una scadenza a breve, in quanto rilasciata ad un extracomunitario e che va rifatta poi quando il Tribunale rilascera' il decreto che accoglie la sentenza straniera e certifica la cittadinanza italiana del bimbo e vi recherete, con il decreto, in Comune per l'iscrizione finale nello Stato Civile.
              Il codice fiscale, invece, se il bimbo ha gia' il vostro cognome, non dovrebbe essere necessario rifarlo in quanto e' il risultato di cognome nome data e luogo di nascita e...se non cambiano...ovviamente resta lo stesso.

              Insomma, un po' di carte ancora...ma...con tutto un altro spirito!

              Giorgio

              Comment


              • #8
                disponibili ad aiutarvi 3313370957 il nstro bimbo è con noi dal febbraio 2012
                stefano

                Comment

                Working...
                X