manifesto
Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 21

Discussione: chiamata per affido

  1. #1

    chiamata per affido

    Emergenza Africa
    vorrei una vostra esperienza in merito. noi abbiamo fatto domanda di adozione ca 4 anni fa nel nostro trib, estendendo la domanda anche in altri tribunali d'Italia. ora, a distanza di 3 anni di questa estensione ci ha chiamati il tribunale di Campobasso (che già ci aveva voluti incontrare 3 anni fa per un incontro conoscitivo, andato a buon fine). Però il giudice on. che ci ha chiamati ci ha convocato per un affido (senza specificare altro). noi abbiamo accettato di andare di persona ad ascoltare ciò che ci verrà detto, precisando di aver fatto solo domanda di adozione e non di affido. riteniamo che sia giusto almeno parlare di persona di cose così delicate. voi avete avuto esperienze al riguardo? scusate, ma siamo abbastanza in ansia.... per questa udienza. grazie mille a tutti.

  2. #2
    Senior Member
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Località
    lombardia
    Messaggi
    1,616
    Ciao, dunque, cosi a..naso..penso che vorranno proporvi un "affido a rischio giuridico"sanno bene che siete in lista per adozione, perciò questa mi sembra la cosa più probabile.
    Il vero male è l"indifferenza

  3. #3
    Senior Member
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Località
    lombardia
    Messaggi
    1,616
    Per rischio giuridico si intende la possibilità che il bambino debba ritornare alla famiglia di origine (oppure ai parenti sino al 4° grado) durante il periodo di collocamento provvisorio, cioè quando il bambino sia già stato assegnato alla famiglia adottiva, ma in attesa del Decreto di Affidamento Preadottivo.
    I rischi sono legati ai seguenti casi:
    1) Figli di madre che non vuole essere riconosciuta
    In Italia, ogni donna può non riconoscere il figlio pur mantenendo il diritto di usufruire di tutta l’assistenza medico-sanitaria per il parto. La madre ha tempo 10 giorni dalla data della nascita per riconoscere il neonato, successivamente, dall’undicesimo giorno viene dichiarato lo stato di abbandono e il Tribunale cerca una famiglia a cui affidare il bambino. Il rischio giuridico permane per un breve periodo pari a circa due mesi, poi parte il periodo di 12 mesi di affido preadottivo, a conclusione dei quali l’adozione diventa definitiva. (art. 11 L. 4/5/1983 n. 184, così come modificato dall'art. 11 L- 28/3/2001 n. 149.
    Tale periodo decorre, ovviamente, anche per il padre dal momento della conoscenza della nascita e fino al provvedimento di affidamento preadottivo.
    2) Bambini tolti dalla custodia delle famiglie naturali dal Tribunale dei Minori.
    Nel secondo caso i bambini possono essere tolti alle famiglie di origine in qualsiasi età su segnalazione dei Servizi Sociali, per venire affidati a strutture preposte. Il Tribunale dei Minori valuta se le difficoltà della famiglia di origine siano temporanee o permanenti; vengono disposti degli aiuti, sia di tipo economico che di supporto psicologico. Se il tribunale lo ritiene può proporre dei casi di affido (anche congiunto con la famiglia di origine); se il tribunale, passato un certo periodo di tempo, che varia da situazione a situazione, decide di emettere un “Decreto di adottabilità” cominciano i colloqui con le famiglie che si siano dichiarate disponibili per l’adozione. Il bambino viene collocato provvisoriamente in una di queste famiglie a seguito di un “Decreto di Collocamento Familiare”. La madre, il padre e i parenti biologici fino al 4° grado che abbiano rapporti significativi col minore, entro 30 giorni dalla notifica del provvedimento di adottabilità, possono proporre impugnazione avanti alla Corte di Appello. La predetta Corte emette una sentenza che deve essere notificata ai ricorrenti, questi ultimi possono ancora, entro 30 giorni dalla notifica, effettuare un ultimo ricorso alla Corte di Cassazione.
    In ogni caso l’udienza di discussione dell’appello e del ricorso deve essere fissata entro 60 giorni dal deposito dei rispettivi atti introduttivi.
    Tutto questo iter ha tempi che non possono essere quantificati in quanto dipendenti da vari fattori. Può anche accadere che i membri della famiglia di origine siano irreperibili e quindi la notifica non viene consegnata; in questo caso la sentenza viene pubblicata sull’Albo Pretorio e dopo 20 giorni vengono considerati scaduti i termini per un eventuale ricorso.
    Durante questo periodo di tempo le informazioni alla famiglia adottiva sono spesso carenti, non essendo essa soggetto processuale.
    C’è comunque da considerare che più tempo il bambino sta con la famiglia adottiva e meno sono le probabilità che venga accolto un ricorso dei parenti biologici, inoltre i tempi lunghi spesso disincentivano le famiglie naturali ad eseguire ulteriori ricorsi. Quando tutte le sentenze sono state emesse o sono scaduti i termini per i ricorsi, parte il periodo dell’affido preadottivo e dopo 12 mesi l’adozione diventa definitiva

    QUESTO; PER DARTI UN IDEA DEL::RISCHIO GIURIDICO::
    Il vero male è l"indifferenza

  4. #4
    grazie Amanda. mi sembra molto rischioso se si considerano i sentimenti che nel frattempo sono in ballo (mi riferisco alla paura di perdere da un momento all'altro il bambino). ma certo, credo che la cosa giusta sia valutare bene la situazione concreta che ci verrà proposta.... l'udienza sarà subito dopo la befana ed io sono abbastanza agitata. stiamo cercando di considerare tutte le possibili situazioni dell'affido, che non conosciamo avendo affrontato fino ad ora solo il discorso "adozione" con i servizi sociali e con il nostro trib. certo, ci auguriamo di decidere si con il cuore ma stando con i piedi per terra.
    grazie mille per aver risposto e per essere stata così esaustiva.

  5. #5
    Senior Member
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Località
    lombardia
    Messaggi
    1,616
    Prego, figurati!
    Ecco, ..preparatevi bene,le idee devono essere chiare, c"è in ballo la serenità di un bambino..non è poco!! adozione e affido..sono due strade molto diverse, se desiderate, giustamente, un figlio assolutamente vostro,, cercate di capire bene, la proposta che vi farà il Trib. e quanto è elevato il Rischio Giuridico..e quanto siete disposti a..rischiare, sapendo che comunuqe se vi affidano unbimbo in R.G. è quasi sempre ..per sempre..ma..c"è il quasi, perciò..
    vi faccio un grande in bocca al lupo, cosi come auguro al piccolo/a che ha bisogno dell"amore di una famiglia..di trovarlo al più presto.. e per favore, se ci fai sapere l"evolversi..ne sarei felice..
    Il vero male è l"indifferenza

  6. #6
    Senior Member L'avatar di alfenoa
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    763
    Ciao Panzarotto e benvenuto!

  7. #7
    grazie e vi farò sapere una volta avvenuto l'incontro

  8. #8
    Senior Member
    Data Registrazione
    Oct 2011
    Messaggi
    893
    a noi con il piccolino è capitata così.
    da un collocamento protetto all'adozione.
    doveva rimanere 2 mesi, starà con noi per sempre.....
    ed è un bimbo speciale bellissimo, vero amanda?

  9. #9
    scusa mammacrolide, vuoi raccontarmi cosa è successo al vostro 1° incontro? come vi hanno prospettato la situazione?
    io ho un'ansia terribile, al tempo stesso piacevole. se puoi raccontami la tua esperienza. grazie mille.

  10. #10
    MAMMACROLIDE ci sei? ..... grazie e AUGURI

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •